giovedì 9 agosto 2012

CHE FINE HA FATTO PAGINE 70?


Da una quindicina di giorni, è letteralmente sparito dal web il sito "Pagine 70". Gli internauti nostalgici del "bel tempo che fu", o semplicemente gli amanti del vintage, non possono non esserci transitati almeno una volta: si tratta (trattava?) di un portale dedicato interamente al decennio degli anni Settanta in tutte le sue sfaccettature. Anche se definirlo sito, o portale, è probabilmente riduttivo: chi vi accedeva, si trovava in realtà davanti a un immenso archivio di tutto ciò, futile e meno futile, che poteva riguardare quella decade non più tanto vicina. 
Il periodo compreso fra il 1970 e il 1979 è stato, probabilmente, uno dei più complessi, articolati, intensi, sofferti e ricchi di fermenti in ogni settore della vita del pianeta, e ancor più del nostro Paese. Ebbene, di questo fervore "Pagine 70" si era fatto cantore e testimone, recuperandolo e facendone giungere l'eco fino ai giorni nostri. Nato, se ben ricordo, nell'estate del 2002, il sito era diventato un punto di riferimento soprattutto per i nati nel decennio e per chi, venuto al mondo prima, quel decennio lo aveva vissuto da giovane adulto; ma anche per chi, "ragazzino" degli anni Ottanta, voleva saperne di più su eventi, riti, miti e divi dell'epoca in questione. In breve fu boom di utenti, mentre il portale crebbe rapidamente per qualità e quantità dei contenuti. In esso, lo ripetiamo, tutti gli anni Settanta: gli eventi politici, sociali e sportivi, la musica e la televisione, l'editoria dell'epoca, i giochi e i passatempi, il cibo che si consumava e i capi di abbigliamento alla moda: un autentico museo quotidianamente alimentato dai creatori del sito e dagli utenti. In più, un frequentatissimo forum in cui di tutti i sopracitati argomenti, e di molti altri, si discuteva quotidianamente, in linea di massima con grandissima civiltà. E i ricordi personali, gli aneddoti, le curiosità e le informazioni dal passato postate dagli stessi forumisti contribuivano, nel tempo, ad accrescere l'enorme patrimonio di conoscenza di questa vera e propria "enciclopedia on line" dei seventies. 
L'ideatore del sito, Pino Grimani, indubbiamente un personaggio dotato di grande inventiva, aveva inoltre dato vita a una band "telematica", i P70, la cui attività artistica veniva promossa attraverso le pagine del portale: un complesso musicale "progressive"  formato da persone che mai si sono incontrate "de visu", in contatto solo via telefonica o web, e che suonavano e incidevano ognuno per conto loro la parte di brano di loro competenza, inviando poi via mail il tutto al Grimani che provvedeva all'assemblaggio, con esiti assai apprezzati dalla critica di settore. 
Tutto questo, da un paio di settimane, è sparito. Pagine 70.com, con la sua sterminata banca dati, col suo forum sempre ricco di nuovi spunti di discussione e di riflessione, si è come volatilizzato, da un giorno all'altro. Il sottoscritto, partecipante saltuario al forum, ci era passato un'ultima volta, se la memoria non m'inganna, nel mese di giugno, e nessun cenno aveva trovato a proposito di difficoltà di gestione, di rischi di sopravvivenza, di chiusura imminente (ma può essere stata una mia distrazione, per carità). Proprio per questo, l'improvviso vuoto creatosi nella rete risulta incomprensibile e comunque preoccupante. Così come difficile da capire risulta il fatto che, finora, non pare siano stati in molti a porsi le mie stesse domande sulla fine presunta del portale: cercando coi motori di ricerca, la domanda "che fine ha fatto Pagine 70?" non sembra tormentare gli animi di molti, anzi. 
Per carità, ci sono cose più importanti, ma se venisse a mancare un sito gioiello come Pagine70.com si perderebbe un archivio tematico che ha pochi riscontri nel web, forse nessuno, per mole di informazioni e materiali "stipati" al suo interno. Ecco, solo questo mi premeva dire. Non conoscendo ulteriori dettagli sulla vicenda, mi auguro si tratti solo di un problema temporaneo, di un black out dovuto a motivi tecnici o di server, e che presto, come per incanto, Pagine 70 torni a deliziare gli appassionati, desiderosi di immergersi fra i ricordi di un'epoca fondamentale per la piccola e grande storia dell'Italia e del mondo. 

151 commenti:

  1. a dir la verità la stessa domanda me l'ero posta anch'io (e infatti questo è il motivo che ha portato la mia ricerca su Google al tuo blog)
    Ricordo che qualche mese fa c'era stata la richiesta di donazioni, in quanto la gestione del sito comportava un certo onere economico, ma vi era stata anche la risposta di vari utenti, e in effetti non avevo notato ulteriori "grida d'allarme"
    Un vero peccato, anche perchè non riesco a trovare traccia di motivazioni alla cosa (nessuna news in merito, la tua è la prima pagina a trattare l'argomento che riesco a trovare), e che ha reso indisponibile un sito che, con buona ragione, può essere considerato mitico per chi ha avuto i natali in quegli anni che furono
    ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto sul blog. Sì, supponevo naturalmente che altri si fossero posta la domanda, ma in giro per il web non ho trovato al momento nessuno che abbia tentato di fare luce sulla questione o che quantomeno abbia "gridato" on line la propria preoccupazione. Ricordo che il discorso delle donazioni era venuto fuori già diversi anni fa sul sito, e ricordo anche che c'era stata una chiusura momentanea o qualcosa del genere, non dovuta però alla mancanza di fondi, credo. E in quel caso, comunque, non ci fu silenzio, ma la questione divenne di pubblico dominio. Questa volta, invece, black out improvviso e senza battage. Speriamo bene. Se qualcuno ne sa di più, è naturalmente ben accetto da queste parti.

      Elimina
    2. anch'io da giorni cercavo qualche notizia su questo splendido sito, ho trovato solo voi e solo ora. Grimani ha una pagina su facebook dedicata al bar anni 70 (un altro dei suoi colpi di genio) ma anche quella pagina sembra disabitata.. speriamo bene :-(

      Elimina
    3. oggi Pagine70 è finalmente tornato on line...

      Elimina
    4. REDUCI DEGLI ANNI 70,FACCIAMO RIAPRIRE IL NOSTRO SITO,DEL NOSTRO PASSATO!!!!!

      Elimina
  2. Vero.
    Il sito è irraggiungibile da un paio di settimane.
    E non se ne trova quasi notizia in rete.
    Facendo ricerca su google si arriva qui, e su un altro forum
    ( un po' burrascoso, dove fra un insulto e l'altro qualcuno si interroga sulla sorte di Pagine 70 ).
    Curioso, i partecipanti al forum erano numerosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono il primo degli "anonimo "della lista (David per gli amici, e grazie per il benvenuto): la cosa che mi preoccupa è che anche la semplice ricerca "pagine 70" non fornisce nemmeno più , come ci si aspetterebbe, al primo posto l'indirizzo web del sito, quasi come se per Google fosse già storia passata.
      Spero tanto di sbagliarmi

      Elimina
    2. Strano....io pure ero iscritto,,,non assiduo....ma sarebbe un peccato se si perdesse un patrimonio del genere

      Elimina
  3. Grazie a te, David, e grazie a tutti. Ecco, magari quando intervenite scrivetelo un nome, non per altro, ma perché alla lunga diventa difficile parlare con tanti anonimi! ;) Comunque, ripeto, grazie a tutti per i messaggi.
    E' vero, il forum aveva un'infinità di utenti, ho cercato su Google qualcuno dei nickname che mi sono rimasti in mente ma, anche in questo caso, nessuna traccia rilevante. Dimenticavo di dire che Pagine 70 ha pure un account su You Tube e anche lì ho lasciato una domanda, ma ancora nessuna risposta.

    RispondiElimina
  4. Ragazzi,pure io sto sbattendo per trovare quel meraviglioso sito al quale ero pure iscritto; ho anche inoltrato una email dalla pagina di "chi ha timbrato il cartellino" chee ` l`unica pagina riferita al sito originale, ma non ho ricevuto risposta.
    Ci risentiamo su questo blog se qualcuno riesce a fornire notizie.
    Giuseppe

    RispondiElimina
  5. E' comunque significativo che il sito sia stato chiuso dopo dieci anni esatti dalla sua apertura, temo che si tratti di un "allontanamento volontario". L'amministratore ha più volte manifestato le sue difficoltà nella gestione, anche economica, del sito, non bastano elogi e pacche sulle spalle per gestire un'opera così impegnativa. Se Grimani avesso voluto comunicare qualcosa in merito alla chiusura lo avrebbe fatto, attraverso facebook o altri mezzi, ma lo avrebbe fatto. Dobbiamo pazientare e sperare in un ritorno oppure rassegnarci alla fine di un'era (e fare un po' di autocritica...) io sono Bibì (anonimo del 10 Agosto ore 22.12)

    RispondiElimina
  6. Ciao, sono Tidus.
    Ogni tanto ero solito ritornare a dare un'occhiata al forum che ho frequentato per tre anni. Non saprei darvi una spiegazione, nè tantomeno sono al corrente del problema; comunque è strano, perchè perlomeno il dominio è stato rinnovato a maggio 2012 e quindi per un altro anno. Infatti, se col browser andate su http://whois.domaintools.com e ricercate www.pagine70.com, a fondo pagina troverete:

    Creation date: 30 May 2002 10:08:53
    Expiration date: 30 May 2013 10:08:00

    Le ragioni, forse, potrebbero essere tre:

    - il dominio è stato rinnovato, per preservare il "marchio", ma non è stato rinnovato lo spazio web. In pratica, significa comunque chiusura.
    - l'amministratore sta rivoluzionando tutto il sito ed in futuro ripubblicherà il tutto con altra veste grafica o struttura.
    - problemi tecnici (in passato ne ha avuti parecchi)

    Come vedete, pur non partecipando più al forum da sette anni, sono sempre legato da buoni ricordi e mi sembra impossibile che una autentica miniera di dati sia andata perduta dall'oggi al domani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Tidus! Ricordo il tuo nick e ti ricordo molto assiduo e presente, più o meno nello stesso periodo in cui c'eri tu ho partecipato saltuariamente anche io al forum, per poi tornarci sporadicamente negli ultimi anni.
      Fornisci informazioni e interpretazioni interessanti, e spero che l'ipotesi più plausibile sia davvero la seconda, o al limite la terza: anche perché, e qui rispondo pure a Bibì, anche in caso di chiusura definitiva non sarebbe il massimo della vita andarsene così, senza fornire uno straccio di spiegazione. Voglio dire, potrebbe capitare per un sito o un blog qualsiasi, tenuto lì tanto per tenerlo, ma non per una "istituzione" del web come Pagine 70. Almeno così la penso io. Quanto alla gestione economica di un sito come quello, è un discorso molto complesso che meriterebbe davvero trattazione a parte.

      Elimina
    2. Sì, ti ricordo anch'io :-)
      Convengo con il tuo pensiero: nel caso in cui il sito avesse davvero chiuso senza salutare o rilasciare delle semplici motivazioni, sarebbe certamente una mancanza di stile e di rispetto nei confronti degli utenti. Ma siamo poi sicuri che le cause non siano altre? Pino Grimani gestiva una pagina Facebook, un blog (anche quello fermo a novembre 2011) e non so cos'altro....non è che abbia problemi di salute? E possibile che nessuno dei moderatori/collaboratori/utenti assidui non conoscano motivazioni o non abbiano tentato di contattarlo?

      Elimina
    3. Sempre David :)
      Direi che l'unica spiegazione potrebbe essere la defaillance tecnica: se il server che ti ospita ti lascia a piedi, effettivamente credo diventi difficile porre rimedio alla situazione, in quanto non dipendente dalle tue forze/volontà;
      alle altre sinceramente non penso, in tali casi se non altro un saluto ante switch-off oppure il classico "stiamo lavorando per voi" me lo sarei aspettato.
      Sperando che la numero 3 sia quindi l'opzione veritiera (se non altro lascerebbe sperare che col ripristino dal punto di vista tecnico il nostro sito non potrebbe che tornare più bello che pria), anch'io rimango perplesso dal fatto che nessuna delle persone più vicine alle, chiamiamole così, "alte sfere" di pagine 70 abbia pensato di fornire notizie in merito, ad esempio buttando su una semplice paginetta su "faccialibro" dedicata alla situazione

      Elimina
  7. G. ha un account facebook personale oltre la pagina del bar e l'ultimo aggiornamento risale al 30 luglio. Ma è il caso di importunarlo per chiedergli qualcosa che, probabilmente, non ha voglia di dire?

    RispondiElimina
  8. Alla salute, o comunque a gravi problemi personali, si cerca sempre di non pensare, o di pensarci come extrema ratio: si esorcizza, è nella natura umana. Spero che Grimani non abbia alcun guaio di questo tipo, con tutto il cuore.
    Il discorso server è una brutta bestia, ci sono passato anni fa per esperienza diretta: come ha scritto David, quando ti lascia a piedi per qualsiasi motivo poi ci vuole effettivamente del tempo per ritornare on line. E questo spiegherebbe anche l'assenza totale di chiarimenti e la sparizione improvvisa.
    La domanda sulle "alte sfere" di Pagine 70 me la son posta anch'io, in effetti. Sugli account privati di FB non me la sento di andare, non ho tale confidenza; ho scritto, come detto, un messaggio su quello di You Tube che è pubblico, vedremo se arriverà una qualche risposta.

    RispondiElimina
  9. Buonasera.

    Anch'io sono un utente saltuario del forum, e purtroppo mi sono iscritto tardi.

    Ho contattato il forumista Sergius Magnus su Facebook, ma nemmeno lui mi ha saputo dare spiegazioni sulla scomparsa del sito, che pare risalga alla seconda metà di giugno.

    Ho contattato anche Grimani, prima ancora del 30 luglio, ma non mi ha mai risposto, contrariamente a Sergius Magnus.

    RispondiElimina
  10. Ciao a tutti!
    Stessa cosa anche per me. Sono un utente abbastanza assiduo del forum da 4 anni circa e una brutta mattina...non c'era più :-( ... Ho provato anche io a contattare Pino sulla pagina fb del Bar anni 70 ma per ora nessuna risposta...
    Speriamo bene!

    T

    RispondiElimina
  11. Non ci resta che aspettare risposte... Ricordo Sergius Magnus, in effetti era uno dei forumisti principe.

    RispondiElimina
  12. Anche io ho sempre frequentato il sito con vero piacere.
    Ultimamente avevo notato degli aggiornamenti della pagina errati.
    Speriamo bene

    RispondiElimina
  13. Anch'io sono un utente e forumista storico del sito Pagine70 dal 2002 (il mio nick era John Trent e lo conservo tutt'ora qua e là in giro nel web). Per motivi personali e di tempo non ero più un frequentatore assiduo del forum da circa un paio d'anni. Mi dispiace sia sparito dall'oggi al domani... Personalmente credo sia stata una scelta precisa del fondatore e il fatto che non risponda a mail e messaggi sui suoi vari contatti Facebook o Youtube me lo conferma. Forse si è semplicemente stancato (10 anni sono comunque tanti), forse non ha più tempo e non vuole lasciare la sua creatura in mano ad altri (è sempre bello comandare nella stanza dei bottoni e avere il "potere esclusivo") oppure ha voluto lanciare un messaggio forte: il sito non va avanti perchè non ci sono soldi. Insomma, le ipotesi sono tante. Che dire? "Lo scopriremo solo vivendo..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sì, può essere, ma rimane il medesimo interrogativo: perché non dire assolutamente nulla di nulla? Perché, se c'erano problemi economici di particolare gravità, non lanciare un appello forte, chiaro e ultimativo come già era avvenuto in passato (le persone che hanno scritto qui non hanno finora fatto cenno ad allarmi e grida di aiuto apparse nelle ultimissime settimane sul sito; io non avevo visto nulla del genere ma, ripeto, su P70 ci passavo saltuariamente e magari può essermi sfuggito...)? E soprattutto: perché non rispondere ai messaggi sui vari YT e social network? Su quest'ultimo punto io resto fiducioso nel fatto che, presto o tardi, qualche cenno arriverà.

      Elimina
    2. David.
      Io ho scoperto Pagine70 solo recentemente, e credo di aver pubblicato 3-4 post.
      Insomma, non posso certo considerarmi una colonna portante, nè accampare una sorta di co-partecipazione alla fortunate vicende che hanno contraddistinto l'evolversi del sito.
      Continuo a ritenere (e a sperare) che il problema sia solo di natura tecnica
      Perchè, al di là di tutte le comprensibili motivazioni che potrebbero portare a un desiderio di abbandono dagli, immagino, gravosi oneri di gestione (specie se, come mi sembra di capire, tutto questo facesse capo a una singola persona), il fatto che si sia arrivati a spegnere (mmm..., che brutto verbo in tale contesto) 10 candeline dovrebbe far pensare come Pagine70 non fosse più solo un mero deposito di dati a tema, Pagine70 alla fine contiene (conteneva?) anche un pezzettino di tutti quegli utenti che, nel corso degli anni, hanno reso possibile trasformarlo in quel che è (o era?) ora.
      Ripeto, capisco bene come l'impegno per la gestione sia ben diverso da quello richiesto al semplice fruitore, che passa di là, legge, magari si commuove, al massimo partecipa ripescando nei meandri della propria memoria qualcosa che ad altri non sovviene
      La stanchezza (nelle sue varie forme) può essere senz'altro legittima.
      Capirei un po' meno se questa si manifestasse con un brutale "stacco la spina", senza nemmeno un avvertimento, un commiato
      Ovviamente poi uno è libero d'agire come meglio crede.
      In quel caso non potrei che ribadire: "Peccato!".

      Elimina
  14. ciao anche io ero un frequentatore di pagine 70 ( alvarovitali ) e dopo un periodo di pausa mi ero riaffacciato in piazza ( come la chiamiamo noi forumisti di vecchia data ). sono anche io in apprensione per l'improvvisa scomparsa del forum che tante ore stupende mi ha regalato... spero che tutto si risolva perchè è veramente un peccato non aver più P70 con noi....

    RispondiElimina
  15. salve a tutti, sono iscritto a pagine 70 dal 2003 col nick alex68, vi ho partecipato assiduamente solo nel primi 2-3 anni, secondo me si tratta di problemi tecnici che anche negli anni scorsi si verificarono e causarono la temporanea irraggiungibilità del sito per diverso tempo..speriamo che sia così.. ;)

    RispondiElimina
  16. Ciao a tutti, ho frequentato P70 per molti anni col nick "Gian70", dapprima in maniera attiva, poi solo da spettatore. Ricordo che alcuni anni fa, in un momento di difficoltà economica, il sito era stato messo off-line ma era visibile la pagina principale con le dovute spiegazioni. Oggi pare che si tratti di una cosa piuttosto differente, ho l'impressione che si debba parlare proprio di chiusura.

    RispondiElimina
  17. SPARITO. Qualcuno mi sa dire perchè? CHe tristezza, volevo postare i lavoretti che noi da bambini negli anni 70 facevamo... con il riso e le palline di cartacrespa... sparito il sito, chi è stato e perchè.. forse per non ricordare quanto in quel periodo eravamo contenti, pieni di speranza ma anche critici e "pensanti". Forse, per questo, è sparito. Sparito insieme a Mario Pastore, ai servizi su Moro, sulle BR, sulle lotte operaie, sulle sveglie da comodino fatte con i numeri di cartone che cadendo fanno "flap". Sparito insieme alla gioia e alla speranza dei colori di quel tempo, ai bambini lasciati liberi di giocare con i "palloni sotto la 127", mentre oggi li vogliamo seduti a scuola per otto ore e dopo, competitivi nello sport come dei piccoli adulti dopati. Si, sono triste.

    RispondiElimina
  18. Rifacciamolo noi, pagine 70. Chiedetemi l'amicizia su facebook, voltaf@libero.it "tungsteno volframio" è il mio nick. GLI ANNI 70 devono TORNARE A VIVERE

    RispondiElimina
  19. Salve. Anch'io, come tanti vedo, in un accaldato pomeriggio di agosto, fiduciosa di reimmergermi nella confortante atmosfera degli anni '70 ho cercato il mitico Pagine70 (ero Lialascarlett sul forum, ma vi ho postato soprattutto qualche anno fa) e come gli altri, l'unica cosa che ho trovato è stato questo blog. Non ho ipotesi da fare che già non siano state fatte, ma volevo partecipare alla profonda tristezza e malinconia per la chiusura di uno dei siti più belli di tutto il web, che ancora avevano un senso. Anche se fosse per hackers o robe simili, temo sarà difficile rimetterlo in piedi. Ho già assistito due volte alla scomparsa di siti che adoravo, buttati giù da hackers, ma mai rimessi in piedi dai gestori. Temo che però sia il gestore stesso che ha chiuso visto che non risponde neanche ai solleciti di spiegazioni, restando ovvio che è legittimo da parte sua chiudere ciò che ha creato e amministrato con tanta solwerzia e bravura in questi anni.Che peccato, ancora non posso crederci! Speriamo di sbagliarci tutti. (Tungsteno, ora ti chiedo l'amicizia).

    RispondiElimina
  20. Ciao a tutti. Io sono un forumista di lunga data (il mio nick era Whiteshark) e francamente non riesco proprio a spiegarmi il perchè di questo improvviso blackout. Qualche tempo fa si era parlato di problemi economici, ma la sottoscrizione lanciata dal "boss" P70 ebbe comunque un discreto numero di sottoscrittori, tra cui anche io. Se la sparizione è dovuta a problemi logistici o di salute, per carità, nessun problema, ma certo dopo aver contribuito, seppure in minima parte, alla reputazione del sito con alcuni topic sulla Formula 1 degli anni '70 un'uscita di scena così di soppiatto lascia molto amaro in bocca. Spero solo sia un fatto momentaneo, non fosse altro per soddisfare le richieste di diversi utenti lasciate inevase. Luca

    RispondiElimina
  21. Ciao a tutti voi.
    Allora è vero...p70 è stato cancellato dalla Rete.

    Sono stata un'utente ( diciamo così, seppur non ami questo termine ) storica di quel forum.
    E' stato un luogo virtuale meraviglioso per i motivi che avete già indicato ed altro ancora e lo ricordo tutt'ora con immenso affetto.
    Per i momenti passati là sopra, per aver potuto scrivere dei miei ricordi e leggere di quegli degli altri.
    Per essermi commossa condividendo una remotissima emozione legata all'odore dei quaderni Fabriano e dei pastelli Giotto o a qualche vaga immagine della tv in bianco e nero.

    Purtroppo la grande maggioranza degli utenti non ha mai saputo nulla dei mille personalismi ed interessi della gestione che niente avevano a che fare con lo spirito del sito.
    Credo che siano stati questi i motivi che ne hanno portato alla chiusura.
    Me ne dispiace, ma, se così stanno le cose, è stato inevitabile.

    S. G.

    RispondiElimina
  22. Salve. Anche io ero sul forum (Ximanth) e sinceramente non ho idea di cosa possa essere accaduto... Non c'era stata avvisaglia di alcunché del genere, e non credo che basti un colpo di testa, chiamiamolo così, di Grimani, per cancellare anni e anni di passione e lavoro. Tutto mi sembra davvero strano. Saluto gli altri forumisti che come me provano sconcerto per una "sparizione" assolutamente inspiegabile...

    RispondiElimina
  23. La sparizione di pagine70 certamente spronera` qualcuno dei fan di quegli anni a ricreare un sito simile. È solo questione di tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì,ma se tu l'hai frequentato un po' ricorderai certamente molti racconti veramente fatti col cuore,erano innumerevoli e redatti benissimo!
      Una mole di storie e dati impressionante...io stasera cercavo info sui cartoons dell'epoca...
      NON E' POSSIBILE CHE UNA COMUNITA' SPARISCA IN QUESTO MODO !!!
      Andreino

      Elimina
    2. Andreino, può far male ma vedrai non tarderà e riavrai i tuoi ricordi

      Elimina
  24. Grazie a tutti per i vostri interventi. Amarezza e sconcerto diffuso, questo è un dato di fatto, perché c'è sparizione e sparizione. In soldoni, se un sito come Pagine 70, che ha fatto, senza se e senza ma, la storia del web italiano, decide di chiudere volontariamente, non può farlo così, dall'oggi al domani e senza un perché.
    Forse è indelicato e antipatico fare discorsi di questo tipo, e me ne scuso, ma nel caso si tratti di uno switch off voluto ritengo necessarie le dovute spiegazioni: un dovere, ebbene sì, verso i tanti innamorati di questa autentica istituzione di Internet, verso i forumisti rimasti "orfani" dall'oggi al domani e verso quei "settantiani doc" che avevano contribuito anche finanziariamente alla gestione del sito.
    Spero non ci siano dietro altre e più dolorose vicende (salute, ecc...), non so nulla dei "mille personalismi ed interessi della gestione che niente avevano a che fare con lo spirito del sito", citati da una utente qui sopra e che inducono ancor più amaro in bocca, e continuo malgrado tutto a sperare si tratti di un problema di server.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero... amarezza e sconcerto.. io sono tristissima... ma che possiamo fare per riaverlo??Non ne capisco molto di siti.. ma mica è tutto cancellato? Cioè .. volendo riaprirlo i dati ci sono tutti?
      Grazie

      Paola:(

      Elimina
  25. Buona notte, sono Vanshil, su Pagine70 mi occupavo di fumetti (ho pubblicato una decina di articoli) e della sezione "Giornalaio". Come voi, brancolo nel buio.
    Da qualche mese Pino non rispondeva più ai miei messaggi. Per due volte gli ho spedito un articolo su Superman e Batman senza avere riscontro, così come ho più volte segnalato il mancato aggiornamento dei files "Giornalaio" che regolarmente gli spedivo. Gli avevo pure proposto una sezione sulle copertine dei libri anni '70, ma anche stavolta senza ricevere risposta. Infine, il decennale del sito era passato quasi sotto silenzio, con un solo topic in cui in molti gli chiedevano di organizzare un evento a Roma, ma a cui lui ha risposto solo vagamente.
    Nel frattempo, dalla sua pagina Facebook si vedeva che era impegnato ad organizzare mostre d'arte e simili.
    Temo, quindi, e mi auguro ardentemente di essere smentito dallo stesso, che semplicemente Pino abbia perso interesse per la sua creatura e l'abbia spenta. Davvero un peccato, considerando che molti siti, compresa Wikipedia, citava gli articoli di Pagine 70 come riferimenti attendibili per il decennio. Sarebbe bello in qualche modo continuare a rendere disponibili almeno quelli... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,ma nn si potrebbe contattare Pino e chiedergli se da il sito a qualcuno che come noi che siamo qui a parlarne lo ama tanto ??
      Paola

      Elimina
  26. Quello che dici è molto interessante e nello stesso tempo triste. A meno di problemi di salute improvvisi, almeno eticamente non si dovrebbe eliminare con un falò una tale mole di informazioni e di lavoro, per non parlare del forum e delle sue memorie. Al limite si lascia dov'è e non si aggiorna più o si lasciano le chiavi di accesso a qualcuno di buona volontà. L'altro ieri ho fatto una ricerca e ho notato che non c'è niente che neanche vagamente gli assomigli in giro per il web. Questo vuole essere un complimento a Grimani che l'ha inventato e seguito e a tutti i collaboratori. Ma è come se Leonardo avesse bruciato la Gioconda perché "c'erano interessi particolaristici" o perché gli era venuta a noia, avendo lui anche altri progetti. (beh, non sarà la stessa cosa, era per dare un'idea...). Lialascarlett

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quel che può contare, la penso esattamente come te. Se (ma, continuo a ripeterlo, al momento è solo una ipotesi) davvero si trattasse di un abbandono per stanchezza, c'era sicuramente il modo di lasciare on line il sito (senza più aggiornarlo) e il forum, magari delegando la gestione a qualche utente storico volenteroso.

      Elimina
    2. E per fortuna è di nuovo on line! Forse solo un black out non voluto?

      Elimina
  27. Scriviamo tutti insime una lettera aperta a Pino chiedendogli di riaprire Pagine 70!

    RispondiElimina
  28. Se non altro, la presenza su questa pagina di due icone del forum come l'aquilotta Ximanth e "Mister Marvel" Vanshil mi fa comprendere che l'imprevedibilità di questo switch off è stata assoluta. Certo il pensare di non disquisire più con Xim (ora posso dirtelo, stavo preparando un topic su Inghilterra-Italia 0-1 a Wembley in quella che fu probabilmente la migliore partita di Long John Chinaglia in azzurro) su Formula 1 e calcio, con Vanshil su Paperino e Capitan America, con 36mesi e Sundance 76 su Jean Alesi (ah ah ah......), con Sergius Magnus su Corsa 3 volumi e Fiat 125, con Domi sulla musica rock progressive e tanti altri che non elenco per ragioni di spazio dà davvero grande amarezza. Whiteshark

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, caro Whiteshark!!! Ciao a tutti gli altri Reduci!!!
      Sono Xim... Più passa il tempo e meno accetto ciò che è successo. Perché effettivamente chiudere un sito del genere, vera fonte di informazioni e non solo punto di incontro "virtuale", è totalmente incomprensibile, a meno di serii problemi da parte di Grimani cosa che, ovviamente, spero non sia. Scriverò a Pino, anche se temo che non avrò risposta...

      Elimina
    2. Cara Ximanth
      Caro Whiteshark
      e cari tutti voi che avete contribuito a fare di Pagine70 uno scoglio per la memoria di chi come me quegli anni li ha vissuti adolescente, e ogni giorno leggendo il forum ritrovava sapori e odori e emozioni di quegli anni...
      Grazie di cuore per quello che avete scritto e che spero tornerete a scrivere. Pagine70 deve tornare a vivere!
      fabriziosgheiz

      Elimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. Anche se il WebMaster vuole mollare il sito si potrebbe(magari senza Forum...)renderlo fruibile.
    Vanshill lo leggevo con grande piacere,io sono un appassionato Marvel,e perdere tutte quelle pagine di vera e propria storia e' un delitto.
    Immagino che gli utenti storici le proveranno tutte e io tifo per loro.FORZAP70!

    RispondiElimina
  31. Ciao a tutti ed un saluto particolare a Ximanth, Whiteshark e Vanshil.
    Ero (e mi ritengo tutt'ora) un utente di P70 (il mio nick è lespaul) e come ho scritto qualche intervento fa, ho chiesto a Pino sulla pagina fb del bar anni 70 ma ancora nessuna risposta...
    Non può finire così ed al tempo stesso non credo che abbia mollato tutto così, deve esserci una ragione, visto tra l'altro che la scadenza del dominio sembra essere il prossimo anno...
    Ora riprovero' a scrivere al grande capo...
    W Pagine 70!!!

    RispondiElimina
  32. Ciao a tutti, anch'io sono un naufrago di Pagine70 (mi firmavo Guszti).
    Come prima cosa, noto che il server non è stato spento, infatti l'indirizzo IP viene trovato e risponde subito, ma con un messaggio di rifiuto connessione. In pratica questo vuol dire che siamo davanti ad un caso di esilio volontario…ma le ipotesi sono parecchie: potrebbe anche essere l'hosting che ha chiuso tutto, forse perché pretende soldi. Ma il modo in cui è successo tutto, e il silenzio seguente, mi fanno pensare ad ipotesi sinistre.
    Il mistero lo può risolvere solo Pino. Se spuntasse fuori e dicesse che dopo dieci anni non se la sente più, penso che nessuno gliene farebbe una colpa.

    RispondiElimina
  33. Apprendo solo ora quanto accaduto e non posso far altro che dispiacermene. Tra l'altro ero molto legato a P70 che, molti anni fa, mi venne segnalato da un caro e giovane amico poi scomparso. Me lo indicò come uno dei siti più belli ed interesanti di tutto il web ed aveva ragione. Lì facevo sporadiche apparizioni, il nick era Gomez1360, ma immergersi in quell'atmosfera era davvero come staccare la spina, almeno un pò, dalla pesante quotidianità. Sinceramente credo sia improbabile che il sito possa riprendere vita come per magia ma spero ci sia ancora la possibilità di salvare, non so dove nè come, lo sterminato patrimonio di messaggi del forum. Se così non fosse sarebbe davvero un delitto..

    RispondiElimina
  34. Sono inout un altro utente storico di pagine70, sono rimasto veramente basito dalla scomparsa di questo sito, ho molte ipotesi ma nessuna certezza riguardo i motivi della sua sparizione, posso solo sperare che un giorno possa tornare.

    overzzzzz....

    RispondiElimina
  35. Sono anch'io un utente di Pagine 70 non della primissima ora, ma attivo e presente con una certa regolarità, da diversi anni, col nick barbatrucco: non posso che far mio lo smarrimento dei forumisti che mi hanno preceduto, ai quali vanno i miei affettuosi saluti, e un grazie a Carlo per questo articolo e questo spazio.
    Quanto alle possibile cause, preferisco non pensare a ipotesi preoccupanti, anche di carattere personale, avanzate nei precedenti interventi. Forse si tratta solo di problemi tecnici e/o legali relativi alla gestione già avutisi in passato, dei quali però il torto, specie sul piano legale, non era di Pino Grimani, tanto che poi il sito aveva riaperto e, da quanto ho letto in giro, nel periodo di sospensione c'erano stati comunque messaggi del tipo "ci siamo ancora e stiamo lottando". Può darsi dipenda tutto da discorsi economici che non c'è stato modo di sistemare nell'immediato, per cui temporaneamente è stato rinnovato solo il dominio, senza possibilità di lasciare un messaggio del tipo "stiamo lavorando per voi", e nel frattempo il Capo starà anche pensando a come rinnovare il sito (mi sembra avesse fatto qualche accenno in tal senso) in attesa di riaprirlo; ma potrebbe anche trattarsi di un'azione "situazionista", nel senso che, ultimamente, lo stesso Grimani sta presentando nel circuito artistico un'installazione, consistente in un televisore anni '70 su cui scorrono programmi del Decennio e sul quale è puntata una pistola: il senso, già intuibile al primo sguardo, è stato da lui ulteriormnente spiegato in qualche intervista. Dobbiamo quindi pensare una chiusura e, si spera, successiva riapertura del sito che si ricolleghino in qualche modo a quest'opera? Ogni ipotesi appare quasi indelicata, ma d'altra parte l'importanza di Pagine 70 esige qualche segnale in più - quale che sia e quale ne sia il contenuto - da parte del suo creatore, tenendo peraltro conto del periodo dell'anno in cui è occorsa la vicenda anche se, ormai, sono passati più o meno due mesi...
    Speriamo che Pino abbia modo di leggere e/o rispondere appena possibile a quest'articolo e ai nostri commenti, o comunque a chi lo ha contattato direttamente via web.
    Un saluto a lui e a tutti voi dal barba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .......pensavo di essere il solo a non trovare piu' pagine 70 e invece!!!!; ciao a tutti sono (Massimo) Kriminal e anche se i miei interventi sul forum non sono stati molti, non ho mai trascorso un giorno senza visitare il sito, fino alla sparizione di qualche mese fa. Navigare sul sito mi procurava ogni volta delle emozioni intense e ora e' come essere orfani. Un saluto a tutti e speriamo di ritrovarci presto.

      Elimina
  36. Approfitto della gentile ospitalità del padrone di casa per porgere un cordiale saluto a tutti i forumisti orfani ,come me ,di Pagine70 sono "Realpower".Sebbene la mia militanza non sia di lunga data mi sentivo(Mi sento) molto legato a voi tutti e spero tanto di potere al più presto rileggere i vostri post.Mi mancate.Un abbraccio

    RispondiElimina
  37. wildboys-wildboys23 agosto 2012 22:10

    voglio comunicare che sito e forum sono di nuovo on-line :)

    RispondiElimina
  38. è tornatooooo! :-)))))

    RispondiElimina
  39. EVVIVA! Meno male che sono tornata qui per vedere i nuovi post!
    Lialascarlett

    RispondiElimina
  40. Felicissimo della ricomparsa.
    Che, a dirla tutta, considero quasi atto dovuto, a premiare la quasi commovente partecipazione dei "settantisti orfani" a questa pagina.
    Vorrei con l'occasione anche ringraziare Carlo, che, pubblicando il post, ha permesso a molti di noi di mitigare la sofferenza, condividendo il dolore per la momentanea (fortunatamente) dipartita, in una sorta di "mal comune mezzo gaudio" mediatico :)
    Ciao ciao
    David

    RispondiElimina
  41. Gaetano hardy 5928 agosto 2012 10:00

    SALVE,
    come potete leggere, scrissi subito alla redazione del sito. Attribuivo il fatto ad un problema mio.
    Ovvero, sono proprio un pirla.
    ----- Original Message -----
    From:
    To:
    Sent: Saturday, July 14, 2012 4:42 PM
    Subject: Il mio navigatore, non riesce più a connettersi con il server di www.pagine70.com


    > Salve,
    > uso Safari. Sono già tre giorni che non apro pagine70, che mi esce il
    > messaggio: impossibile connettersi al server di www.pagine70.com.
    > Passando attraverso la copia cache di Google, posso visualizzare la Home,
    > ma come vado a cliccare su un qualunque cosa, mi torna ad uscire il
    > messaggio di cui sopra.
    > Cosa è successo
    > "Gaetano Hardy 59"

    RispondiElimina
  42. E' tornato.
    Resurrezione.........

    RispondiElimina
  43. Ho fatto una settimana di vacanza lontano dal web e dal blog e, tornando, trovo questa bella notizia. Tutto è bene quel che finisce bene, e del resto non poteva finire come molti di noi temevano... Ricambio i ringraziamenti degli utenti, aver smosso le acque sul "caso Pagine 70" (perché era diventato un caso, non lo si può negare) è stato un piccolo titolo di merito per il sottoscritto, ma la cosa più importante era la sopravvivenza del sito.
    Chiudo con una annotazione forse un tantinello polemica, ma secondo me dovuta (e del resto io ragiono con lo spirito e la curiosità del giornalista, quale sono stato un tempo non lontano): ho dato uno sguardo veloce al forum, e non ho notato alcun cenno al black out durato quasi due mesi (ma magari mi è sfuggito, nel qual caso ragguagliatemi voi). Rimango del parere che, nonostante tutto sia tornato normale, un minimo di spiegazione, anche sintetica, ci vorrebbe. Facendo i dovuti paragoni, è come se un giornale di media diffusione sparisse dalle edicole per due mesi e poi tornasse come nulla fosse, senza alcun chiarimento. Capirete anche voi che non è normale. In ogni caso, un abbraccio e un ulteriore ringraziamento a tutti. Tornate a trovarmi, se vi va.

    RispondiElimina
  44. Innanzitutto grazie, Carlo, per aver creato questo raduno di affezionati. Ora siamo tutti sollevati per il ritorno di p70. A questo punto poco importa quale sia stata la causa del black out, non credo che ci siano dovute delle spiegazioni. Perdonami, ma il paragone con il giornale di media diffusione regge fino ad un certo punto, visto che i lettori sono paganti, mentre noi frequentatori del forum usufuiamo di un servizio gratuito. Insomma, chi spende denaro e sudore PER P70 ha il diritto di spegnere e accendere l'interruttore a suo piacimento :-) Tutto è bene ciò che finisce (e continua) bene. Bibì

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bibì, grazie a te e a tutti voi. E' una mia opinione, ovviamente, e tale rimane, ma rispetto la tua che è differente. Paganti o non paganti, quando una realtà così grossa e significativa del web, per importanza "socio - storico - culturale" e numero di utenti costanti od occasionali, sparisce senza un perché per due mesi e poi ricompare senza colpo ferire, secondo me un minimo di spiegazione è dovuta, perché quando si diventa così importanti in senso assoluto e così rilevanti per tante persone si acquisiscono anche delle responsabilità, senz'altro maggiori di quelle dell'ultimo sito amatoriale aperto da un dilettante che, se chiudesse da un giorno all'altro, nessuno se ne accorgerebbe. Persino io, se un giorno decidessi di chiudere il mio blog (che per popolarità e diffusione non potrà mai nemmeno avvicinare P70), mi sentirei in dovere di dare spiegazioni, per rispetto di quel gruppo di aficionados che mi segue con affetto... Ma in ogni caso, come ho scritto anche sul forum di Pagine 70, in questo momento l'importante è che il progetto sia di nuovo on line.

      Elimina
  45. non conoscevo Pagine70 (inutile dire che mi avete incuriosito!) ma è innegabile che il servizio offerto da Carlo col suo blog è stato davvero utile, se non altro a tenere viva l'attenzione dei sostenitori di quel forum e a facilitarne la vicinanza. Bravo Calabrò :-)

    RispondiElimina
  46. Buongiorno a tutti. Vorrei segnalare ai frequentatori di Pagine 70 che sul forum del sito è comparsa una richiesta d'aiuto. E' ora di mostrare concretamente che siamo vicini a P70. Basta poco, ma dobbiamo essere in tanti.

    RispondiElimina
  47. Sostieni PAGINE 70 con una donazione.
    Intestatario: GIUSEPPE GRIMANI
    Iban: IT 47 N 02008 05257 000400152344

    RispondiElimina
  48. Il sito è nuovamente sparito.

    RispondiElimina
  49. A quanto pare la sottoscrizione di cui sopra non è andata a buon fine, essendo stata sufficiente a coprire solo le spese per qualche mese - cioè, quelle non corrisposte che nell'immediato avevano causato il distacco, essendovi però anche altro da sanare: a questo scopo, sul sito la sottoscrizione era stata rinnovata contestualmente, ma le nuove adesioni devono essere state poche né devono essere bastati i banner pubblicitari sul sito stesso. Speriamo che in futuro la situazione si sblocchi nuovamente, anche se, in mancanza di segnali dal webmaster e di sufficienti adesioni, la riapertura appare, purtroppo, lontana...
    Grazie ancora a Carlo Calabrò di questo spazio e auguri di buona pasqua, nonostante tutto, ai lettori del blog e ai reduci degli anni '70.

    RispondiElimina
  50. Suggerimenti ne sono stati dati, ma non sono stati presi in considerazione.

    RispondiElimina
  51. Comunque è il primo caso, che conosco, di un forum che chiede soldi per rimanere online !
    Ci sono tantissime possibilità per spendere anche solo 30 euro l'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La richiesta, INSISTENTE e a volte anche assai sgarbata, di soldi agli utenti per restare on line ( pena la scomparsa del sito) è cominciata nel lontano 2004.
      Una delle ragioni per cui ( ma non solo....) i forumisti storici se ne sono via via allontanati.

      Elimina
    2. Beh no, ci sono forum ben più grandi e di frequentazione internazionale (Pagine 70, in fondo, è una storia tutta italiana, anche se non piccola) che a maggior ragione potrebbero sfuttare la pubblicità, ma ogni anno, se non con avvisi fissi, chiedono (certo non pretendono, né lo ha fatto Grimani al di là qualche tono aspro manifestato in passato) contributi spontanei agli utenti per restare on line, e si noti bene: FORUM. Pagine 70 è anche un sito con numerosi contenuti, quindi è da supporre che i costi, perchè i costi ci sono, siano anche maggiori. Quanto ai forum, dovrebbe esserne possibile la creazione su piattaforme gratuite, ma a parte la perdita delle funzionalità proprie di un sito, la reperibilità via google spesso non è il massimo. Rimarrebbe la soluzione facebook, visto che nulla vieta di postare periodicamente il materiale del sito e aggiungerne di nuovo, e di inserire un link a un forum gratuito nella speranza che ci sia stato modo di fare un back up dell'archivio di quello vecchio (se non di riavviarlo interattivamente dal punto in cui era stato interrotto) così da renderlo consultabile, se possibile, a costo zero per il gestore. Certo, il sito è un altra cosa, ma, a meno che non ci siano stati solo problemi tecnici e la riapertura sia vicina, e temo di no, potrebbe essere una soluzione.
      Ciao dal Barba.

      Elimina
    3. Pretese certamente no anche perchè non è possibile il prelievo forzoso dal portafoglio degli utenti.
      Ma richieste formulate in toni non semplicemente aspri, ma sguaiati, offensivi e volgari verso i forumisti sì e ben più di una volta. A partire proprio dal 2004 e sicuramente fino al 2009 ( anno in cui abbandonai il forum). Gli inviti a un supporto monetario da parte dei fruitori per il sostegno del sito ci stanno tutti e non c'è assolutamente nulla di male.
      I toni arroganti e maleducati no.
      Specialmente se sono sempre state abilmente dribblate le domande circa le REALI necessità finanziarie del sito.
      In passato ( 2005 e 2006, se non ricordo male) vi fu un gruppo di utenti che prospettò all'admin tutta una serie possibile di soluzioni realistiche per far sì che nessuno dovesse rimetterci di tasca propria o quasi.
      Tutte rifiutate, chissà come mai.

      Elimina
  52. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  53. Mah, francamente inizio a seccarmi anche io. Lo scorso anno ho dato 100 euro (non proprio noccioline) in due tranches da 50 cadauna. Ma non è questo il punto. Se l'Admin decide di chiudere il sito benissimo, visto che non ha intenzione di renderlo "ad abbonamento", ma perlomeno comunichi (in prima pagina e/o tramite messaggio di posta)la data in cui lo farà. Così mi ritrovo con un centinaio di euro in meno (ma NON è questo, ripeto il problema) e le "mie" cronache di Formula 1, che avevo messo a disposizione degli altri utenti (con buoni risultati credo) attualmente indisponibili, in quanto li avevo "postati" senza backupparli per motivi di "condivisione fraterna". Che dire ? Spero solo che il sito riapra il tempo necessario per recuperare il mio lavoro (stagioni 1967, 1974, 1975, 1976, 1977, più il 1973 sul quale stavo lavorando e del quale avevo postato due gare e stavo scrivendo la terza), altrimenti l'amarezza sarebbe grande, certo però nula al pensiero di non poter più interloquire coi miei amici storici: Ximanth, Avvocato, Magnus, Domi, 36 mesi, Barbatrucco, l'UU S76, per non parlare delle icone sexy del sito Nadia e Grilù.

    RispondiElimina
  54. Ciao!!!! Porca miseria... mi sento in colpa. Avevo promesso di dare qualcosa e non ho avuto tempo, dico sul serio, di farmi la fila in banca. E adesso è chiuso di nuovo. Mannaggia. E mannaggia che non hai backuppato! Tutto il lavoro splendido che hai fatto, le "litigate" storiche, le emozioni... A causa del lavoro, ultimamente resosi infernale, ma soprattutto per il corso di tedesco, ormai veramente duro e impegnativo anche a livello di tempo, non sono riuscita ultimamente a esser presente. Stavo impostando pure, nella mia testa, il lavoro per il sito su "L'appuntamento", lo show che vide il ritorno ufficiale di Chiari in tv dopo le vicende del 1970. E adesso? Ti abbraccio e abbraccio tutti i "reduci" che si ritrovano qui...
    Ximanth

    RispondiElimina
  55. Un saluto a White, a Xim e a tutti gli altri Reduci di passaggio dal Barba...
    Capisco bene l'amarezza di White perché ha fatto un lavorone, ma al di là di questo non credo sia dipeso da una decisione dell'Admin, quanto dal fatto che il distacco sia avvenuto da un momento all'altro per non corresponsione delle spese esattamente come quest'estate.
    Forse Pino avrebbe dovuto ribadire l'appello e non lasciare tutto alla buona volontà non solo economica, ma anche propagandistica di noi più o meno "veterani", ma se alla fine siamo in dieci, o anche meno, a contribuire per stabilizzare la situazione nell'immediato dando eventualmente modo di studiare soluzioni più efficaci per il futuro, non si può pretendere che faccia tutto lui: qui non è più questione di toni aspri o sprezzanti che pure in passato, ma non in questi mesi, sono stati a volte "interurbani", per dirla alla Totò (e in parte perdonabili per la passione e il denaro spesi per il progetto).
    Poi, come si è scritto, soluzioni più leggere anche temporanee sarebbero comunque possibili: facebook (e un paio di pagine ci sono già), un blog, l'integrazione con un forum aperto su piattaforme più o meno gratuite...

    RispondiElimina
  56. Saluto a tutti i reduci!
    Come per la volta scorsa, sono ottimista.
    lespaul

    RispondiElimina
  57. Sono l'utente inout, anche a me naturalmente dispiace molto della nuova scomparsa di pagine70, tuttavia mi sembra una fine inevitabile perchè il sito francamente mi sembrava in decadenza forse per naturale saturazione, stanchezza e esaurimento.
    In passato ho contribuito varie volte al sito, questa volta a causa delle mia lontananza da casa non l'ho fatto, ma voglio essere sincero francamente non so se alla fine avrei dato ancora il mio contributo, mi sembra evidente che così il sito non può andare avanti.
    Anch'io ho lasciato parecchi lavori (alcuni sospesi per mancanza di partecipazione) su quel sito come i palinsesti RAI anni 70 o altri riguardanti il mondo dei fumetti, mi spiace vadano persi, comunque a questo punto dico AMEN, Probabilmente anche lo stesso Pino non ci credeva più tant'è che aveva smesso di partecipare e di moderare.

    saluti a tutti i forumisti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti negli ultimi mesi si procedeva in "autogestione", mettendo sul Forum quelli che avrebbero benissimo potuto (e dovuto) essere postati come articoli (credo che l'ultimo sia stato quello di Ximanth sullo Studio 10). A differenza del Gibsoniano LesPaul sono pessimista, perchè un sito senza un riferimento preciso è comunque destinato alla fine. Peccato, scrivere di Formula 1 settantiana è stata una bella esperienza, restano comunque indelebili le discussioni coi forumisti. Ciao da White.

      Elimina
  58. Naturalmente mi auguro che il sito torni online ma ripeto con queste premesse non ha futuro, poi spero sempre di essere smentito dai fatti soprattutto quando le previsioni sono negative.

    saluti da inout

    RispondiElimina
  59. Era da tempo che non visitavo il sito e mi dispiace apprendere della sua chiusura. Non capisco il fatto di chiedere soldi. Non mi risulta che i forum hanno tanta necessità di guadagnare. Devo purtroppo evedenziare che da alcunimesi ho avutomodo di constatare ,lda parte diqualche veterano, di alcuni giudizi presuntuosamente critici su pareri espressi da alcuni membri. Negli ultimi mesi il forum aveva perso parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul discorso economico, si legga qualche post sopra: forum di una certa dimensione non stanno in piedi gratuitamente o con poca spesa, figuriamoci poi se in ballo c'è un sito di rilievo. I domini web si pagano e normalmente non sono a buon mercato, salvo ridimensionare grandemente funzionalità e facile reperimento on line. Ciò non toglie che possano studiarsi altre soluzioni, lo si è detto più volte, con la controindicazione di una minor compattezza e la conseguente frammentazione dei contenuti. Non so cosa s'intenda con le critiche: forse sul forum si era fatto qualche accenno a queste controindicazioni, ma non mi risultano particolari presunzioni o scortesie, e qualche scambio sporadicamente più pepato sulle tematiche tipiche del forum non ha di solito superato i confini del reciproco rispetto o di un sano umorismo che era pane quotidiano. Quanto al languire del forum negli ultimi tempi, è in parte vero ma lo è stato ancor più per il sito, non solo o non tanto per uno scoramento di Grimani, ma, suppongo, soprattutto per l'impossibilità di intervenire sui contenuti dello stesso finché non venisse regolarizzata la situazione.
      Il forum aveva ancora i suoi momenti, ma, a parte i periodi, magari temporanei, di calo fisiologico della frequentazione che si verificano in tutti i "ritrovi" on line di questo genere, senza il Capo era un po' come navigare a vista...
      Il Barba

      Elimina
    2. Questo è indubbio, ed infatti anche io ho parlato di "Autogestione". L'Admin mi aveva contattato diversi mesi fa sulla possibilità di trasformare in "articolo" i report sulla Formula 1, ed avevamo convenuto che vista la notevole dimensione delle cronache si doveva studiare un formato differente. Poi, il nulla.

      Venendo alle "scortesie" del forum, non ne ricordo francamente di "pesanti", anzi forse il famoso "duello" tra Sundance 76 ed il sottoscritto riguardo un certo pilota credo sia stato il punto di massima "rissa".

      White.

      Elimina
    3. Sottoscrivo caro White, e piacerebbe anche a me, come hai scritto sopra, condividere l'ottimismo di Les Paul, che saluto. Qualcuno scriveva di richieste economiche rispetto a bisogni non meglio precisati, ma quanto meno in questi mesi le precisazioni c'erano state eccome e non starò certo a ripetermi circa il fatto che, a parte soluzioni di vario tipo, un sito non va avanti senza spese: basta leggere i precedenti interventi o informarsi in generale.
      Un abbraccio ai Reduci,
      Barba

      Elimina
  60. Barba bisogna anche ammettere però che i toni di Pino non hanno certo aiutato, fare un appello ci sta, scrivere che chi non contribuisce è un........ non va bene e da questo punto di vista sono d'accordo con chi dice che con questo atteggiamento ha allontanato parecchi utenti dal sito alcuni dei quali storici.
    Riguardo le polemiche sul sito personalmente credo che una dei pregi migliori di pagine70 fosse proprio la bassa conflittualità, perlomeno rispetto ad altri forum dove al 3 o 4 messaggio viene già sommerso di insulti.

    saluti

    inout

    RispondiElimina
  61. Caro "overzzzzz..." Inout, gli "altri" forum sono fatti dai giovani d'oggi, non da reduci degli anni '70 cresciuti in un clima sociale e famigliare assai differente.

    Venendo ai "toni" dell'Admin, io non so che dire, avendo sempre contribuito alla causa. Immagino che qualcuno si possa essere risentito, ognuno ha il suo carattere. Resta il rammarico, si allontanano le spigolature.

    White

    RispondiElimina
  62. Se uno vuole portare avanti un sito lo fa comunque, indipendentemente dalle offerte. Non venitermi a dire che ci vogliono centinaia di Euro l'anno per gestire qualcosa come Pagine 70; a meno, ovviamente, di non dover retribuire coloro che scrivono articoli. Se poi sbaglio, felice di essere smentito, ma in quel caso dovreste farlo con dei dati precisi. Diciamo, più semplicemente, che il tipo si è stufato di gestire il tutto - complice anche l'inevitabile saturazione dei contenuti, con relativo calo di entusiamo da parte di tutti - e ha pensato bene di dedicarsi ad altro.

    Giulio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In dieci anni, problemi e chiusure temporanee ci sono stati più volte. Fosse stato quello il problema sarebbe stato detto, anche se questo avrebbe fatto dispiacere a molti, né ci sarebbero stati appelli da parte di Pino dopo il distacco dell'estate scorsa e la riapertura dopo quasi un mese. Sono d'accordo con Inout che certi toni pesanti e sbagliati utilizzati anni fa, per quanto possa capire mettendomi nei panni dell'interessato, non devono aver aiutato e hanno probabilmente allontanato più di qualcuno, ma, corregetemi se sbaglio, fu un fatto isolato. D'accordo, naturalmente, anche sulla bassa conflittualità tra i forumisti, accompagnata in genere da un'elevata passione e da una diffusa competenza, da sempre qualità di Piazza 70.

      Barba

      Elimina
  63. Sulla qualità del forum e del sito non si discute, credo che alla fine la questione principale sia legata agli impegni di pino che complice anche una certa stanchezza e saturazione del sito ha praticamente abbondonato al sua creatura, ed è evidente che senza il suo coinvolgimento diretta pagine 70 non può che andare in devlino.
    Tutto ciò non toglie nulla ai meriti di questa persona che ha creato una delle cose migliori presenti in rete, peccato per il suo carattere diciamo piuttosto ruvido.

    saluti

    inout

    RispondiElimina
  64. Ciao a tutti, io sono Francesco61, presente su Pagine70 fin dal 2004, negli ultimi anni mi ero allontanato un pò per stanchezza un pò perchè il sito stava dando segni di "cedimento", un pò di logorìo nei contenuti e nei partecipanti che in un sito di così lunga vita direi che è fisiologico.
    Pur non partecipando più attivamente, sono rimasto legatissimo al sito, fa parte di me ormai, un'occhiata e una lettura la davo ogni giorno;
    che dire, pagine70 non è solo un semplice sito, è una vera e propria enciclopedia di notizie, da quelle importanti a quelle minute e dettagliate come non si potranno trovare mai e poi mai da nessuna parte, ma è anche un'enciclopedia di emozioni, di ricordi personali, non è possibile che tutto questo sparisca in un soffio, è inconcepibile, non è giusto.
    Il guaio di internet è questo, almeno ai nostri tempi i ricordi si stampavano su carta, adesso vanno a finire in unospazio web indefinito e rischiano di finire inghiottiti in un buco nero, ahimè è il segno dei tempi.
    Diamoci una mossa, cerchiamo di trovare qualche aggancio e qualche notizia sicura, spargiamo la voce e vediamo cosa si può fare in concreto, io ci sono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono anch'io!!

      Paola :)

      Elimina
  65. Caro francesco61 quoto tutto quello che hai detto, tuttavia andando nel concreto è difficile fare quello che proponi a meno che non si riesca a contattare direttamente pino ovvero l'admin, il quale mi sembra ormai distaccato per motivi che non conosco, e ripeto senza il suo apporto pagine70 non esiste.

    saluti inout

    RispondiElimina
  66. Ciao a tutti. Sono anche io un ex forumer di P70, per il quale avevo anche collaborato su qualche argomento. Poi essendomi mancato il tempo materiale per seguire le tante cose che faccio, sono diventato semplice lettore del sito. Ho letto tutti i vostri post, e sono tutte considerazioni sacrosante. Pero' se proprio devo essere sincero, passare dalla "gloria" al silenzio totale senza alcuna spiegazione e' una cosa che mi turba non poco. Mi turba perche' se da una parte e' vero il fatto che dietro la testata internet c'erano sforzi economici e di tempo non indifferente, dall'altra c'era anche il lavoro di tanti appassionati che per anni hanno speso il loro tempo per fornire materiale, articoli, o anche semplicemente per animare il forum o moderarlo. Almeno tutte queste persone che appunto per anni hanno comunque dato i loro contributi, una semplice spiegazione, un saluto o cose simili la meritavano. La meritavano anche i forumers ed anche i semplici lettori. Si possono comprendere motivazioni economiche e tutto cio' che si vuole, pero' alla fine le scelte sono due : o la comunita' contribuisce, oppure contribuisce la pubblicita'. Per quanto ne so io, i siti tecnici che frequento sono tutti supportati dalla pubblicita' : qualche banner neppure troppo invadente (per i grandi siti e' cosi' e P70 sarebbe stato cosi') e tutto continuava a funzionare. Se P70 voleva di piu' non lo so, certo e' che una preziosa risorsa ha smesso di essere fruibile, ma la preziosa risorsa (ci tengo a sottolinearlo) era tutta la comunita', perche' in fondo c'era anche il suo lavoro a sostenere ricerche, immagini articoli e quant'altro. Poi il mio e' un punto di vista, pero' a questo punto son contento di esserne uscito tempo prima, perche' mi avrebbe disturbato non poco pensare di sostenere per anni un sito che poi chiude senza neppure dare un briciolo di spiegazione a chi in fondo ci ha anche messo del suo. Anche in caso di riapertura a questo punto (salvo valide motivazioni) rifletterei molto sul rischio di passare del tempo su qualcosa che finisce nel black out senza neppure sentire il dovere di scrivere un "ci dispiace, per forza maggiore o chissa' cosa". Lo ripeto : nell'apprendere tutta questa dinamica sono rimasto disorientato e stupito per le stesse vostre ragioni. Saluto tutti i forumers storici che riconosco in questi interventi del blog, ricordando loro il grandioso e mitico scherzo della diretta di Renato Zero fatto un primo aprile di tanti anni fa. R.R.

    RispondiElimina
  67. E' proprio questo quello che non mi va giù,
    ripeto, massimo rispetto e considerazione per chi il sito l'ha creato, l'ha portato avanti in tutti questi anni, ci ha probabilmente rimesso economicamente,
    ma a questo punto, con questa mole enorme, gigantesca, di informazioni e di emozioni sugli anni settanta,
    non è possibile che tutto quanto vada perso per sempre.
    E' un'enciclopedia unica nel suo genere, non ripetibile in alcun modo secondo me, oppure ripetibile ma di certo non a quei livelli, e comunque se dovesse essere rifatto da capo, occorrerebbero anni per solamente sfiorare l'ampiezza dei contenuti di questo sito.
    Insomma, di soluzioni penso che ce n'erano prima di chiudere in questo modo, e comunque poniamoci un obiettivo:
    ritroviamo tutto quello che c'era scritto su Pagine70!!!
    francesco61

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordissimo con te!!
      Che possiamo fare?

      Paola;)

      Elimina
  68. E' difficile dirlo. Molti siti sono nati in periodi vicini alla nascita di internet in Italia. Periodi dove c'erano meno regole sul copyright sulle immagini e i dati raccolti, magari inerenti a prodotti di categorie ed epoche varie. Oggi fare un sito partendo da zero sarebbe decisamente piu' complicato e sarebbe diversa anche la partecipazione di persone appassionate, perche' e' cambiato il modo di vivere internet. Quando e' nato internet, lo spirito principale era quello di condivisione, liberta', partecipazione, collaborazione ecc. (c'erano anche altre cose negative, ma io elenco quelle che prevalevano). Tutto questo perche' prima di internet c'era il vuoto ed era tutto da fare. Molta gente scriveva programmi e li lasciava freeware, altri facevano foto e le condividevano e cosi' via. Oggi se avete notato, nei vari siti internet sono calate notevolmente le cose legate a questo spirito. E' perfino difficile trovare un programma freeware, senza che siti terzi se ne approprino per ricompilare il programma aggiungendo le toolbar, spyware e quant'altro. Questo per dire che lo il terreno che ha favorito il nascere di siti tematici diventati subito professionali, ora e' cambiato e non so che successo potrebbe avere l'eventuale tentativo di far rivivere gli anni 70 sotto altre forme (non credo ci sia il copyryght sui decenni). Tutti sappiamo che si e' persa una grossa risorsa, ma e' difficile capire cosa fare per rimediare. Pero' permettetemi di dire apertamente che se qui tutti noi abbiamo manifestato grande rispetto per chi ha creato il sito, a questo punto sarebbe anche corretto che un cenno di questo rispetto arrivasse anche verso chi per anni ha speso tanto tempo per mantenere vivo il sito, perche' senza i visiatatori, i collaboratori e tutte le altre manifestazioni di interesse, P70 non sarebbe mai esistito. Per questo, salvo ovviamente motivazioni valide fin qui sconosciute, io credo che tutti i reduci degli anni 70 meritino davvero almeno una spiegazione ufficiale. R-R-

    RispondiElimina
  69. Mi sento di condividere la vena polemica espressa nell'ultimo intervento.
    Se in effetti venisse fornita una spiegazione o fossimo stati tutti preallertati circa l'intenzione di chiudere bottega (su cui, va detto, nessuno avrebbe potuto sindacare)ci sarebbe quel meritato rispetto per chi il sito ha contribuito a mantenerlo vivo ed interessante.
    Ma ci avremmo messa una croce sopra.
    In questa situazione possiamo solo sperare che il black-out, per quanto lungo ed improvviso, sia temporaneo

    RispondiElimina
  70. Come detto prima, sulla temporaneità del blackout sono pessimista, sperando di essere smentito. In effetti la cosa più triste è tornare a casa e non accendere il pc per dare un'occhiata a chi ha scritto sul forum, la più amara è il non sapere perchè.

    White

    RispondiElimina
  71. "La cosa piu' amara e' non sapere il perche'". Pero' se penso a tutte le persone che han speso giornate a scrivere articoli, altre che han mantenuto vivo il forum eccetera, penso davvero che dopo la chiusura non solo avrebbero meritato un "perche'" ma anche un "grazie". Tutto sarebbe stato vissuto in modo diverso. Non voglio assolutamente essere duro con chi ha tenuto viva una preziosa risorsa storica, che sicuramente ha chiesto tanto lavoro, fatica e spese pero' c'e' gente che ha lavorato volontariamente, altra addirittura che ha contribuito economicamente e quant'altro. Se la cosa non e' andata in porto per vari motivi, non c'e' problema tutti quanti siamo umani e capiremmo, pero' lasciare un silenzio simile e' un po' come dimenticare anche il prezioso apporto di tanti. Sembrero' un po' duro, ma io la penso cosi'. R.R.

    RispondiElimina
  72. Forse un sito come P70 non si puo' ricostruire, ma attraverso questo blog (che ringrazio per l'ospitalita') si puo' lanciare l'appello verso chi ha le dovute conoscenze relative alla gestione di servizi web, per valutare l'apertura di un forum. "Forum Seventies" Sarebbe un punto di inizio, poi con l'arrivo di potenziali persone competenti, si puo' anche pensare di ricostruire il resto : o dico follie?... In fondo siamo "reduci" e non di certo esodati... (R.R.)

    RispondiElimina
  73. NOn conosco le motivazioni però mi dispiace. Anche se non frequentissimamente mi piaceva curiorare nel sito e condividere ancora un di anni 70 con voi.
    Ripeto non conosco le motivazioni e non esprimo opinioni intal senso. Solo per esperienza posso però affermare che la gestione un sito completo con relativo forum e possibilità di inserimento di video, foto e quant'altro, costa davvero pochi euro all'anno. Magari Pagine 70 aveva altre necessità tecniche molto più costose.

    RispondiElimina
  74. Io rimango in attesa che qualcuno rifondi p70, i meriti li avrà certamente l`admin ma il fatto che chiuda senza un minimo di spiegazioni brucia il suo credito positivo. Il suo silenzio forse vuol esasperare gli animi per un suo recondito motivo? Se no allora che spieghi. Io intanto aspetto di ritrovarci su un nuovo forum con le stesse prerogative.
    Scusate l`asprezza ma bisogna andare avanti.
    gab(un reduce).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'altra volta l'Admin si fece risentire dopo circa un mese, cioè quando si sbloccò la situazione e il sito riaprì. Ora è impossibile sapere se accadrà lo stesso, ed è chiaro che se ci sono problemi che non può risolvere da solo, la riapertura è lontana.
      Sicuramente qualche parola sarebbe dovuta per motivi ben spiegati da altri, essendogli noto questo spazio, ma, d'altra parte, non sappiamo cosa stia accadendo nel mentre. Per il futuro, vedremo.
      Ciao,
      Barba

      Elimina
  75. Salve a tutti! Sono iscritta nel sito come Silvia72, ho partecipato poco ma letto moltissimo e devo dire che pagine70 mi manca molto! Lì ho ritrovato i miei ricordi, leggendo mi sono ritrovata bambina, mi sono emozionata...
    Solo che poi l'admin ha cominciato con questa storia dei soldi e lì devo dire che mi sono un po' sdegnata, perché non ho mai capito il dover dare dei soldi per un forum.
    Spero che Pino cambi idea e il sito riapra presto: ci sarebbero tanti forum e siti da chiudere, forum dove si litiga per un nonnulla, invece chiude proprio quello che io chiamo "una perla su internet".
    Ciao!

    RispondiElimina
  76. Io continuo a pensare che non è giusto perdere per sempre tutto quello che è stato scritto su Pagine70, non riesco a rassegnarmi, è come fosse stata bruciata un'enciclopedia,
    non può essere!
    francesco61

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evidentemente Pino era un pò come Pepe Carvalho..... ogni sera bruciava un libro.

      White

      Elimina
  77. In effetti la biblioteca di P70 era veramente sterminata, pur mancando di un filone, quello politico, che ha segnato in maniera indelebile quella irripetibile decade. Personalmente trovavo un pò limitativo il non poter scrivere di personaggi come Guido Rossa, Sergio Lenci ed altri eroi per caso. Ma mi consolavo abbondantemente con la musica e la Formula 1....

    White

    RispondiElimina
  78. Ciao a tutti
    C'è anche il sito Motoannisettanta che intreccia vari argomenti riguardante i motori e tanto altro riguardante gli Anni Settanta.
    Anche Io sono un Ex Utente di Pagine 70 e mi ritroverete su "Chiacchiere varie" "Le moto simbolo del poliziesco Anni 70"
    Vi aspetto per condividere la nostra passione Anni 70(E oltre).

    RispondiElimina
  79. Anche io ho trascorso ore e ore su pagine 70, postato centinaia di volte e son persino uscito due sere con altri forumisti e Pino. A mio parere il sito aveva un valore assoluto, per certi versi davvero degno della treccani e sicuramente superiore a Wikipedia per quel che riguarda la cultura anni 70 intesa nel senso più ampio possibile. Forse il passare del tempo e l'aver sviscerato tutto o quasi aveva un po' rallentato la fortissima spinta iniziale e certo non si poteva contare su chi nel decennio non era nato per rinvigorirla...detto questo penso anch'io che il comportamento di Pino sia stato piuttosto censurabile. Ci sono migliaia di siti che vanno avanti senza chiedere soldi a chi vi partecipa...c'era la pubblicità...ma al di là della questione economica e magari di tempo che pure esistono mi è davvero dispiaciuto nn leggere uno straccio di mail che diceva..scusate non ce n'è più...si chiude qui è stato bello arrivederci e grazie...bastava davvero poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso che associarmi a questa triste disamina, sia per le considerazioni finali che per la qualità largamente superiore del sito rispetto a quella di Wiki sulla cultura dei seventies. Questa forse era la cosa più bella: quel racconto fatto "da chi c'era" e che metteva a disposizione dei "semplici nozionisti" come me (sono nato nel 1965) l'aria vera che si respirava in quella irripetibile decade. Tra chi, come il sottoscritto, si documentava e poi scriveva e chi rispondeva citando la propria esperienza di adolescente settantiano si creava quella sorta di "feedback subliminale" che spesso era pura magia (ricordo con grande affetto le considerazioni dell'aquilotta Ximanth sull'incidente di Lauda al Ring).

      White

      Elimina
  80. Sulle straordinarie qualità intrinseche del sito penso che nessuno possa dubitare, diverso purtroppo il discorso relativo alla gestione.

    saluti

    RispondiElimina
  81. ciao a tutti i reduci!

    RispondiElimina
  82. Pultroppo è così,dobbiamo farcene una ragione,Pagine70 haimè non esiste più.Davanti al pc navigavamo nel nostro passato in quegli anni più cari,per noi che eravamo bambini,rivedevamo tanti oggetti e risentivamo tanti rumori che noi conoscievamo bene anche se era passato tanto tempo dall' ultima volta che .....li avevamo vissuti.il cono "Atomic" che buono che era.Anche L'amaro"Don Bairo"non deve essere stato da meno visto che mio padre lo andava sempre a comprare al supermarchet con la esse lunga e lo caricava, assieme alla spesa,sulla Giulia super.IL primo impianto hi-fi,della Marantz,che meraviglia altro che mp3,mp4,ipood e altri COSI del genere.Lo si comprava elo si mostrava a tutti i vicini,così si faceva anche con i primi tv color con quei bei tasti che sfiorandoli silluminava il numerino in rosso.Già, quanti ricordi tornavano alla mente leggendo Pagine70...ma ora tutto questo non c'è più.Non eraun portale...era la nostra macchina del tempo in grado di riportarci,come per magia,là dove avremmo voluto restare!PECCATO!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. boah che magonem,,,na perche pagine 70 non si vedde piui?????????

      Elimina
  83. Credo proprio che a meno di un miracolo (a questo punto non so come altro definirlo) pagine70 non tornerà online, purtroppo si profila un requiem per questo storico sito, personalmente sono molto dispiaciuto.

    saluti da In & Out

    RispondiElimina
  84. Ribadisco non ci si può rassegnare, ma dove sono finite pagine e pagine di ricordi, notizie, emozioni?
    Nello spazio ipergalattico? in un buco nero? almeno quando non c'era il web rimaneva traccia su carta che si poteva rintracciare, recuperare, ma così sembra di lottare contro un qualcosa che non si vede, che non c'è...è disperante tutto questo,
    non mi rassegno, non mi rassegnerò mai.
    francesco61

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella speranza che il sito possa comunque tornare on line, il problema principale al momento è proprio questo: il recupero di quanto già era stato inserito in quell'immenso archivio on line, sia il sito sia il forum. Ed è un problema che, ritengo, potrà risolvere solo il gestore di Pagine 70.

      Elimina
    2. Certo, il problema principale (al di là se il sito tornerà oppure non on line, io mi auguro di sì ovviemante) è proprio questo, il recupero del già scritto.
      Intanto grazie a te Carlo Calabrò per l'occasione che ci dai per ritrovarci qui.
      francesco61

      Elimina
  85. Ciao ragazzi,stavo pensando a una cosa...se date un occhiata alle prime righe di questo blog e poi sciendete alle ultime, vi accorgerete che è passato quasi un anno!Ora,io dico,lo sappiamo tutti,lo abbiamo capito tutti che Pagine70 non c'è più.. che vogliamo fare?Andiamo avanti ancora un anno a ripeterci le stesse cose?Ma d'ovè,perchè non c'è,che fine ha fatto,non mi rassegno...OHH,ragazzi siamo o non siamo i giovani degli anni'70?Ogni epoca ha la sua generazione,che è unica,diversa da quelle precedenti e diversa da quelle antecedenti(spero si dica così..ma tanto noi ci capiamo lostesso).I ragazzi di oggi, sicuramente,sono più svegli di noi, alla loro età!Questo è fuori di dubbio, non ci piove!Però,già però,loro oggi hanno tanto..Sky e altre pay tv,L'aypood l'aypuud..figuratevi che neanche sò scriverlo io ,la Play station..poi la Playstation2 se non sbaglio sono arrivati alla Play3. Poi i telefonini che a chiamarli così sembrano stupidate ma vi assicuro che fanno di tutto ansi, secondo mè,a insistere...ti fanno anche il caffè, non ultimo, il compiuter.Noi bambini/ragazzi degli anni'70 il COMPIUTER sapevamo che esisteva perchè lo vedevamo usare dal comandante Straker in"UFO" e da il comandante Koenig in"SPAZIO1999" solo per quello!Scusatemi anche il capitano Kirk sull'astronave "Interprise"lo usava.Ricordo ora che quando vidi,per la prima volta nelle vetrine dei negozi, i primi"COMMODORE VIC21" ci rimasi male.CAPII CHE STAVANO PER FINIRE GLI ANNI'70. segue

    RispondiElimina
  86. Per francesco61 e per eventuali altri interessati ricordo che il sito pagine70 si può trovare e utilizzare da qui:

    http://archive.org/web/web.php

    l'ultimo giorno registrato è il 24 aprile 2013.

    overzzzz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio.
      Quello che volevo precisare è che il mio non è un rimpianto nostalgico del sito fine a se stesso (anche se la nostalgia certamente c'è pure),
      ma è la non accettazione del fatto che si sono persi tutti i dati in esso contenuti, che sia andata persa un'enciclopedia, è questo che non accetto e che mi sembra assurdo che sia possibile in un mondo così evoluto ecnologicamente come è quello di oggi.
      francesco61

      Elimina
  87. Il dominio pagine70 è scaduto e non esiste più, a questo punto il sito che conoscevamo noi purtroppo è definitivamente scomparso, speriamo che qualcuno (anche lo stesso pino) possa ripartire con un'altra iniziativa simile.

    è morto pagine 70 W pagine 70!!!!

    RispondiElimina
  88. Che dire ? Nulla se non tristezza e magone, ed un pò di comprensibile irritazione per questa fine ingloriosa e sottotraccia. Se anche dovesse riaprire un sito similare sarà molto dura per me, ma credo anche per altri, ritrovare le motivazioni che ci avevano spinto a passare ore in biblioteca e sui giornali dell'epoca per le nostre cronache..... sarò sempre grato all'Admin per avermi fatto tornare la voglia di scrivere di sport, cosa che non facevo più dagli anni '80, ma se mai lo incontrerò non gli stringerò la mano. Spero non me ne voglia.

    White

    RispondiElimina
  89. Parole d'oro white anche,su pino sospendo ogni giudizio perchè non sappiamo se dietro a questa scelta ci siano anche problemi a livello personale (mi auguro ovviamente di no) lo ringrazio comunque per la straordinaria iniziativa che ha creato, peccato per il finale.

    saluti sa in & out

    RispondiElimina
  90. Ma visto che archive.org consente di andarsi a riprendere tutto il sito e le sezioni (ma non loggarsi al forum, ho provato e non ci sono riuscito), non varrebbe la pena di farsi una sorta di backup di tutto quanto? Se poi Grimani non si fa vivo a rivendicare il possesso dei diritti potrebbe essere rimesso a disposizione di tutti con la licenza creative commons?
    Mellotronic

    RispondiElimina
  91. Il compiuter,questa magica diavoleria piena di dati,luoghi oggetti che non esistono nella realtà.Non li puoi toccare, non li puoi collezionare non li puoi rompere.Eppure sono lì con tutto il loro sapere.Che magnifica invenzione,e pensare che chi l'ha inventata/perfezionata sono state delle persone che negli anni '70 avevano la nostra età ,erano come noi! Forse il pc etutta la sua"rete",come la conosciamo noi oggi,appartiene più ai"reduci dei'70"che non a tutte le altre generazioni successive.Se i ragazzi di oggi hanno tutte quelle tecnologie a cui tengono tanto...chi pensate che gliele habbia fornite?Quando eravamo bambini,per giocare noi,che di soldi non ne avevamo di certo,ci inventavamo di tutto.Al più compravamo, con la paghetta,il pallone il freesbii,le cerbottane le biglie le super economiche rivoltelle ad acqua e poco altro ancora.Per aquistare le automobiline e i soldatini...già dovevamo chiedere aiuto a papà e mamma! segue

    RispondiElimina
  92. Chicco un consiglio prima di spedire, rileggi i post, fai degli errori grammaticali che non commette neanche un bambino delle elementari.

    RispondiElimina
  93. Grazie,anonimo,per il consiglio.Sai com'è...io andavo a scuola nel lontano'71 quindi un pò l'età,un pò la memoria che se ne và ....l'ora tarda,la stanchezza e mettiamoci anche i primi sintomi di alzaimer(si scrive così?Boh) quello che ne escie non è proprio il massimo grammaticale ma se sei anche tè un reduce'70 della mia età credo che mi capirai.Dunque,eravamo rimasti ai soldatini.Ve li ricordate?Ce ne erano di due tipi:quelli grandi e quelli piccoli.I primi erano stampati in maniera più grossolana ed è forse per questo motivo che erano i meno diffusi mentre i secondi ossia, i mitici"ATLANTIC",erano un vero e propio capolavoro del giocattolo.Nonostante le ridotte dimensioni erano perfetti.Riproducevano esattamente tutte le uniformi dei corpi del'esercito italiano..nei più piccoli dettagli.C'erano anche i mezzi,in scala,e anche essi dettagliatissimi.Costavano circa 150lire alla scatola che ne conteneva più o meno una ventina di pezzi.La aprivi e li vedevi tutti lì,tutti di un unico colore attaccati alla basetta di stampaggio che, solo a staccarli ,era già un"godimento"!Poi,qualche anno più tardi,sono usciti sul mercato anche gli indiani,la cavalleria nordista e tutti gli eroi del vecchio west.Per ultimi i popoli del mondo antico tipo Greci,Egiziani,Sumeri...semplicemente fantastici!!Non credo che esistano degli ex bambini degli anni70 che non abbiano desiderato giocare con il contenuto di quelle scatole presenti ,in quel periodo,nelle vetrine di tutti i negozzi di giocattoli.Sapete,ora che ci penso, saranno quasi 30 anni che non vedo più un bimbo giocare con i soldatini!!!!!!!!!Pace e amore segue

    RispondiElimina
  94. Anche io sono del 1965 caro chicco, e quindi ho iniziato la prima elementare nel lontano 1971. Le cose che scrivi possono essere anche condivisibili, ma non riesco a capirne il filo logico, anche perchè al "SEGUE" non... segue nulla. Avrò anche io l'Alzheimer !! Saluti

    White

    RispondiElimina
  95. caro chicco scusa ma questa filippica proprio non la capisco hai esordito dicendo che ripetiamo inutilmente le stesse cose da un anno salvo lanciarti in un discorso prolisso e scontato che non porta da nessuna parte.
    Comunque ormai pagine70 se n'è andato e continuare a scrivere qui lascia il tempo che trova, speriamo solo che qualcuno possa raccogliere l'eredità di questo sito che almeno al sottoscritto mancherà sicuramente.

    RispondiElimina
  96. Scusate, ma se sospettiamo che ci siano delle serie motivazioni personali dietro la chiusura di p70 dobbiamo solo augurarci che qualunque cosa sia, si risolva. E chissenefrega di P70. Speriamo solo che Pino stia bene. BB.

    RispondiElimina
  97. Per ora l'unica cosa sicura è la chiusura del sito, limitiamoci a quello, poi è evidente che la salute viene prima di tutto, vale per pino come per tutte le persone dle mondo.

    RispondiElimina
  98. un decennio fa , o forse meno, nella home pagine c'era un generico "grazie" , a ironizzare che la gente non faceva donazioni. Non vedo perchè dovrei fare donazioni ai siti . Oltrretutto era un sito di difficile navigazione, col motore di ricerca interno obsoleto e poco efficace, che spesso dava risultati negativi. Inoltre , io che ero iscritto, trovavo assurdo che le discussioni nei forum potessero essere visionate solo dagli iscritti: che senso ha questa privacy che ricorda le sette?

    RispondiElimina
  99. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  100. spero che il sito riapra buon anno

    RispondiElimina
  101. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo, le minacce e gli insulti, semplicemente, su questo blog non sono ammessi. Quindi, cancello anche questo tuo secondo intervento e rimando al mittente il tuo "cortese" invito. Addio.

      Elimina
    2. Caro calabrò ok mi son lasciato prenedere la mano ... però ti assicuro che quello che ho scritto è vero : ho conosciuto grimani via rete parecchi anni fà e so quel che scrivo!

      Potrai averne conferma anche da altri ex forumisti eccellenti quali Sergius Magnus (persona squisita e di grande cultura) e anche altri quali Vanshil, Tidus, Athualpa (che venne pesantemente insultato pubblicamente sul forum dallo stesso grimani) Stratocaster (anche lui trattato come una merda ...pubblicamente) etc etc...

      Tutta gente che ha fatto e reso P70 quel che era: un luogo virutale unico dove ritrovarsi e confrontarsi, una palestra di inteligenza, un luogo speciale della memoria ... e tutto questo non certo per merito di grimani!


      Cancella pure anche questa mia risposta, ci tenevo solo che tu sapessi come stanno le cose.

      Elimina
    3. Non è che io cancelli perché mi piace censurare la gente, lo avrai capito se hai riletto i tuoi precedenti commenti. Però, consentimi, su trascorsi del vecchio Pagine 70, schermaglie e litigi, chi avesse insultato chi, chi avesse ragione e chi torto, a 'sto punto credo sia inutile soffermarsi ulteriormente, serve solo a far crescere la bile di chi ricorda e ognuno rimane sulle proprie posizioni. Dirò di più: sarebbe bello se un giorno il fondatore (che merita comunque... l'onore delle armi per aver ideato una splendida webenciclopedia, della cultura della memoria) tornasse a farsi vivo e a dare spiegazioni, io, con la mia immensa fiducia nel prossimo, ci credo ancora. Indigeribili sono stati la sparizione del sito senza preavviso e il conseguente oscuramento di materiale a cui tanti forumisti avevano massicciamente contribuito, su questo non posso che darti ragione e del resto se ne è ampiamente discusso nei tanti messaggi qui pubblicati. Poiché la cosa, credo si possa ormai dire, è irrisolvibile, non resta che guardare avanti.

      Elimina
  102. Qualcuno si ricorda ancora del "Campionato 70", lanciato agli albori di Pagine 70?

    RispondiElimina
  103. Che tristezza! Ho preso atto solo ora dell'oscuramento di Pag70 e me ne ratttristo molto.Ho letto tutti i commenti... tutte le risposte, dal 2012 ad oggi.
    Ci ho messo un po'... e mentre leggevo speravo di trovare qualche buona nuova. Peccato, peccato d'avvero. Un archivio immenso stralciato così "duramente" da lasciare certamente un vuoto ed un dolore in chi come me, anche se impossibilitato ultimamente a "navigare".. fino a marzo 2012 lo frequentava abbastanza assiduamente. Credo di avere ancora da qualche parte pagine salvate in formato .mht ... perse su uno dei miei tanti hard disk della memoria. Comunque, non posso che convenire con Carlo Calabrò: "non resta che guardare avanti." E cos'ì sia!

    Lunga vita e prosperità a voi tutti.

    "Anonimo" Giovanni '71!

    RispondiElimina
  104. Noooooooooooooooooooooo !!! Era davvero un pozzo senza fondo di emozioni per noi della splendida categoria degli "anta" !

    RispondiElimina
  105. Anche io sono un ex forumista, più guardone che partecipante. Avevo anche scritto qualche pezzo (ad es. sui NY Cosmos).
    Pagine 70 mi manca. Io nei momenti di nostalgia vado a fargli una visita qui, ed è bello vedere che comunque la data si aggiorna con gli eventi:
    http://web.archive.org/web/20130317182252/http://pagine70.com/

    RispondiElimina
  106. Su Grimani mi sono già espresso e non voglio ripetermi. Torno a dire quanto detto qualche tempo fa: Ho sovvenzionato tre volte il sito ed in cambio, al suo oscuramento, quando ho chiesto di recuperare il mio lavoro sulla Formula 1 (a detta di qualcuno forse il miglior documento presente in rete specie sulla stagione 1976) non mi è neppure stata data risposta. Capisco tutto, non la mancanza di rispetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono Mangrippa, utente molto attivo degli albori.

      In seguito a dissapori sulla mia partecipazione, conobbi personalmente Pino Grimani: entrambi romani ci incontrammo all'EUR. Il suo era un progetto commerciale finalizzato a raccogliere pubblicità indirizzata ad un target generazionale ed economicamente medio alto. Ritengo che la mancanza di riscontri positivi lo abbia indotti ad abbandonare al termine che si era assegnato: per lui deve essere stato un investimento infruttuoso. Purtroppo, non si è reso conto di aver abusato della sensibilità di tanti. Ma lui era solo un imprenditore mentre noi eravamo sognatori.
      Inutile quindi aspettarsi risposte.
      Ciao a tutti.

      Elimina
    2. Caro Calabrò,
      se il tuo Nick era Drums (o qualcosa che gli assomiglia) ho conosciuto anche te: abbiamo pranzato insieme a Garbatella... a I Scalini... Ricordi?

      Elimina
    3. Scusa se rispondo solo adesso, non avevo visto questi commenti. Incredibile come, a distanza di anni, questo e l'altro articolo su Pagine 70 continuino ad attirare visitatori: segno tangibile di come quel sito abbia lasciato un'impronta profonda nell'animo e nei ricordi dei cultori del decennio. Da parte mia, non posso che ribadire la tristezza per il modo in cui si è conclusa la vicenda, senza un saluto, senza una parola di congedo.
      No, non ero io quello della Garbatella. Mi iscrissi a Pagine 70 nel 2002 e, essendo all'epoca un quasi novellino del web, ebbi la brillante idea di registrarmi col mio nome e cognome, semplicemente.

      Elimina