domenica 28 luglio 2013

RECENSIONI DAL TEATRO: "LA STRANA COPPIA" BY THE KITCHEN COMPANY


"La strana coppia" è una... materia da maneggiare con estrema cura. Nel senso che si tratta, probabilmente, della commedia brillante più famosa e più rappresentata di tutti i tempi. Una autentica pietra miliare del teatro mondiale, alla quale non tutti possono accostarsi con la "sicumera" di poterne fornire una versione all'altezza dell'originale. Proprio per questo motivo, The Kitchen Company merita un plauso incondizionato. La compagnia stabile del Teatro della Gioventù di Genova ha infatti messo in scena una "Strana coppia" assolutamente credibile. Alle prese col capolavoro di Neil Simon, i giovani attori sono riusciti a regalare al pubblico uno spettacolo fresco, vivace, privo di cadute di tono. 
La recita targata TKC ha saputo intercettare lo spirito originario di quest'opera intramontabile, i suoi elementi base, restituendoli intatti alla platea: ironia e disincanto, attenzione alla contemporaneità (la contemporaneità dell'epoca, in fondo non tanto diversa da quella attuale, limitatamente ai temi trattati...) e crudo realismo nel tratteggiare un certo contesto sociale e determinate dinamiche relazionali. Già, perché "La strana coppia" è sì commedia pimpante e ridanciana, ma al contempo "multistrato", in quanto dietro il velo della leggerezza affronta pure tematiche di indubbio spessore: coppie che "scoppiano", il divorzio con tutte le criticità pratiche e psicologiche che si porta dietro, dallo sconvolgimento interiore causato dalla fine di un amore alla conseguente difficoltà di riallacciare i fili di un'esistenza normale, di ricominciare a vivere. Nella piéce di Simon c'è tutto questo, osservato e raccontato con una comicità non sguaiata ma sottile (proprio perché modulata su una storia dai risvolti financo drammatici), eppure sempre ben percepibile e godibile. 
I ragazzi della Kitchen, sotto la sapiente regia di Massimo Chiesa, hanno offerto una lettura rispettosa eppur non passiva di questa commedia cult, sviluppandola con sostanziale aderenza alla scrittura originale senza tuttavia risultare per questo eccessivamente scolastici, e anzi destreggiandosi con sufficiente brio e disinvoltura fra le pieghe di un'opera di indubbia complessità. Di buon livello la recitazione, con i picchi rappresentati dai due protagonisti, Nicola Nicchi nei panni del trasandato tombeur de femme Oscar, e Giovanni Prosperi - Felix, maniaco della pulizia e complessato, con una caratterizzazione del personaggio piuttosto marcata che raggiunge lo scopo di alleggerirne l'intricatissima situazione personale. Di rilievo anche la prova delle due presenze femminili del cast, le vicine di casa della "strana coppia", Guendalina e Cecilia, interpretate da Daria D'Aloia e Barbara Alesse, a loro agio nel doppio registro attoriale richiesto dalla personalità di due ragazze un po' frivole ma, al contempo, capaci di captare l'estrema sensibilità e fragilità umana di Felix. 
"La strana coppia" è lo spettacolo su cui ha puntato il Teatro della Gioventù per la sua sessione estiva: ripetendo infatti l'esperimento lanciato l'anno scorso, anche in questo 2013 il TKC diretto da Massimo Chiesa ed Eleonora D'Urso ha proseguito la sua attività anche nella stagione calda (si andrà avanti fino al 4 agosto, sempre con le repliche della commedia di Neil Simon), offrendo così un'alternativa innovativa e di qualità ai più classici svaghi di questi mesi. Nel 2012, l'estate "TKC - Gioventù" puntò sulla trilogia "Le conquiste di Norman" e raccolse oltre 5mila spettatori: per quest'anno non ci sono ancora dati ufficiali, ma se l'afflusso complessivo è stato dello stesso livello, ottimo, osservato la sera della nostra presenza, il successo di questa apertura "straordinaria" (che speriamo diventi presto ordinaria per tutti i teatri della penisola) dovrebbe essere notevolissimo. In quanto a innovazioni, comunque, il Teatro della Gioventù non si ferma qui, anzi: è allo studio l'allestimento di una vera e propria "sit-com" con protagonisti gli attori della "Kitchen", da registrare alla presenza del pubblico e da diffondere a una più vasta platea attraverso modalità attualmente allo studio: si potrebbe utilizzare il canale web (download et similia) e proporlo a emittenti televisive locali o, perché no, nazionali. Una sfida insolita e affascinante, un'altra ventata d'aria fresca nel panorama teatrale nostrano, e per questo meritevole di incondizionato appoggio. 

1 commento:

  1. La Strana Coppia vi da appuntamento fino al 4 di agosto.
    L'ultima domenica sarà...un mare di risate ... scoprite di più http://www.tkcteatrodellagioventu.it/tkcteatrodellagioventu/news.html

    RispondiElimina